Roma scrive bene: “Giochi di ruolo al Maracanà” nove scrittori un unico grande racconto

LOCANDINA_DSC4025

Ci piace spesso da queste pagine presentare piccole realtà musicali, oggi vogliamo parlare di altre piccole realtà; editoriali e di offerte culturali che la nostra città offre.

Testo e fotografie di Giampaolo Vasselli

Abbiamo già detto che con l’arrivo di giugno molti locali si spostano all’aperto, cosi come le sale cinematografiche che diventano arene.

Ma altri locali si inventano nuove iniziative, forse si a semplice scopo commerciale, ma che comunque aiutano anche la diffusione della cultura in città.

LUCA POLDELMENGO_DSC4059

Luca Poldelmengo

Nascono così alcune iniziative come quella della piccola realtà che è il BAR-LIBRERIA ( che accoppiata eh? n.d.r.) Pallotta , che trovandosi davanti al ponte Milvio reso famoso da Moccia ed i suoi “lucchetti” si inventa le serate “LIBRI A MOLLO” ( il celebre ponte per i romani è conosciuto come “ PONTE MOLLO” per via delle sue fondamenta su zolle semovibili e la tradizione canora romana gli ha anche dedicato una delle sue “strazianti” canzoni) , giunto ormai alla terza edizione estiva.

In queste serate vengono presentati,  incontri con gli autori di piccole e grandi realtà editoriali.

PATRIZIA RINALDI_DSC4058

Patizia Rinaldi, sotto Piergiorgio Pulixi

PIERGIORGIO PULIXI_DSC4044

Questa sera era la volta delle edizioni E/O che presentavano una antologia di racconti brevi con il filo conduttore delle OLIMPIADI brasiliane che si svolgeranno nel prossimo mese di agosto.

Tutti gli autori fanno parte della collana SABOT/AGE che è quella che all’interno delle suddette edizioni si occupa di autori italiani ed è curata da Massimo Carlotto noto esponente del noir italiano.

“GIOCHI DI RUOLO AL MARACANA’ “ è una raccolta di nove scrittori dagli stili molto diversi, si parte dallo stesso Carlotto, per passare a giovani autori come Paolo Foschi,Carlo Mazza, Luca Poldelmengo, Piergiorgio Pulixi, Roberto Riccardi, Patrizia Rinaldi, Matteo Strukul e Massimo Torre, che sono riusciti a creare un’ opera che sembra un racconto unico, come  è stato detto dallo stesso Torre durante l’incontro di presentazione.

PAOLO FOSCHI_DSC4057

Paolo Foschi

L’ambientazione comune è quella appunto delle olimpiadi brasiliane, il genere è il noir, ma ogni autore ha messo anche la propria sensibilità per raccontare l’impatto sociale che lo sport ha in generale.

LIBRI A MOLLO _DSC4026

L’ingresso della Libreria Bar Pallotta dove si è svolto l’evento, sotto un particolare di Pone Milvio, detto anche il Ponte Mollo

ponte mollo (ponte Milvio)_DSC4009

Altra caratteristica è quella che sono stati usati alcuni dei protagonisti “seriali” dei vari titoli della collana.

MASSIMO TORRE_DSC4093

Massimo Torre, sotto la copertina del libro

_DSC4037

Un modo per conoscere nuovi autori italiani, nuovi punti vista e scoprire nuovi personaggi a cui affezionarsi, per non rimanere legati ai Marlowe, ai Montalbano o i Poirot e Marple o altri investigatori più famosi e per rendere omaggio a realtà che nella nostra città si prodigano per la diffusione dell’arte e della cultura.

GALLERIA FOTOGRAFICA A CURA DI GIAMPAOLO VASSELLI

A proposito di Giampaolo Jumpy Vasselli

Fotografo free lance e per RomaSuonaBene