Ottimo live Salmo, ci sorprendi sempre.

SALMO A POSTEPAY ROCK IN ROMA (16)

Salmo ritorna a Roma sul palco del Postepay Rock In Roma all’interno della sessione #TheItalianWay dopo il sold out di aprile all’ Orion per l’ Hellvisback Tour.

Foto di VALENTINA VENDITTI

Non è da tutti riuscire a richiamare così tante persone dopo aver cantato solo qualche mese fa. Ma Salmo è riuscito nell’ impresa. L’area antistante il palco del Postapay Rock In Roma era gremita di ragazzi, l’attesa era spasmodica e io, onestamente, non pensavo di trovare tutta quella gente dopo il concerto di aprile. Segno che il rapper sardo ha conquistato il cuore di molti, sta avendo sempre più consensi e uno zoccolo duro di fans che lo sostiene. D’altronde questa è la filosofia della Machete, collettivo di rappers, produttori, grafici e videomakers, che più di chiunque altro ha capito che l’ unione fa la forza, supportandosi e promuovendosi vicendevolmente.

SALMO A POSTEPAY ROCK IN ROMA (8)

Lo striscione gigante alle spalle della band con il personaggio di Hellvisback dà l’ idea di quanto sia potente l’ immagine di Salmo. E’ bastato vederlo calare per far esultare il pubblico che si stava consumando nell’ attesa. Ma è quando Salmo arriva sul palco con “Mic Taser” che la gente esplode in un boato e al rapper non resta altro che travolgere tutto e tutti con il suo sound aggressivo e la voce roca e potente. Oltre a Dj Slait alla consolle, abbiamo una band di tutto rispetto che lo accompagna, formata da Jacopo Volpe alla batteria, ex dei Vanilla Sky, al basso Dade dei Linea77 e alla chitarra Mark Azary.

SALMO A POSTEPAY ROCK IN ROMA (5)

Salmo si esibisce con “Io sono qui” e “Giuda”, alcuni tra i brani dell’ ultimo album Hellvisback, dalle sonorità elettroniche e dai ritmi incalzanti. Impossibile stare fermi. Si continua con classici come “Russel Crowe” e “Stupido gioco del rap” amatissimi dal pubblico.

Salmo è visibilmente soddisfatto, tanto da fermarsi ad osservare i fans con il sorriso sul volto… l’emozione che trapela dal suo sguardo è uno dei momenti più intensi.

SALMO A POSTEPAY ROCK IN ROMA (10)

All’ apice del concerto Salmo richiama la folla e gli chiede di dividersi, un po’ come Mosè con le acque. Ma il fine è decisamente un altro… parte la band con hardcore puro e i ragazzi iniziano a pogare in vecchio stile rock. Metto la reflex al sicuro e assisto divertita ad un momento di puro caos e sana follia.

SALMO A POSTEPAY ROCK IN ROMA (21)

Salmo riparte con un classico che trascina la folla, “S.A.L.M.O.” Le mani sono in alto, le teste che si agitano, mille voci che cantano.

SALMO A POSTEPAY ROCK IN ROMA (23)

Si continua con i brani di Hellvisback fino all’ arrivo a sorpresa di Nitro, altro esponente della Machete, che intona alcune strofe tra la reazione di sorpresa del pubblico e gli applausi. Non una semplice visita di cortesia: Nitro infatti è sul palco per ritirare il premio Disco d’Oro per l’ album Suicidol e Salmo ritira il Disco d’ Oro per l’etichetta Machete. Ovazione del pubblico.

Ottimo live Salmo, ci sorprendi sempre.

GALLERIA FOTOGRAFICA A CURA DI VALENTINA VENDITTI

A proposito di Valentina Venditti