Crea sito

Concorso Pianistico Internazionale Roma Archivio

0

XXVI edizione del Concorso Pianistico Internazionale a Roma dal 28 ottobre al 7 novembre 2016

Locandina_Concorso_Pianistico_2016_ps-2

L’Associazione Culturale Fryderyk Chopin ha annunciato l’avvio della XXVI edizione del Concorso Pianistico Internazionale che si svolgerà a Roma dal 28 ottobre al 7 novembre 2016. Presenta la serata finale la giornalista Sonia Sarno

 Il concorso, giunto alla 26ma edizione, promosso dalla fondatrice e presidente dell’associazione chopiniana M° Marcella Crudeli pianista tra i maggiori interpreti per pianoforte del compositore polacco, costituisce l’unica rassegna nel suo genere che si svolge nella città di Roma ed è organizzata in collaborazione con la Fondazione Cuomo.

Già patrocinata dalla Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e dal Gran Priorato di Roma dell’ordine di Malta, il concorso si avvale, inoltre, del sostegno del Presidente della Repubblica e di Istituzioni ed Enti Locali.

Per iscriversi e partecipare all’edizione 2016 è necessario scaricare il bando e la modulistica dal sito www.chopinroma.it e inviare la domanda entro il 28 settembre; 5 sono le categorie in concorso:

  • solisti fino a 19 anni di età;
  • solisti fino a 25 anni di età;
  • in duo a quattro mani su un unico pianoforte;
  • in duo su due pianoforti;
  • solisti fino a 35 anni di età per il Premio Chopin.

Le eliminatorie dei partecipanti inizieranno il 28 ottobre, all’interno del Chiostro di S.Giovanni Battista dei Genovesi. I vincitori saranno premiati nella serata finale, ad ingresso libero, che si svolgerà il 7 novembre alle ore 20.00 presso il Teatro Quirino-Vittorio Gassman presentata dalla giornalista del TG1 Sonia Sarno.

Particolare attenzione verrà data ai giovani talenti provenienti dai paesi dell’ Europa dell’Est con un premio speciale da parte della Fondazione Cuomo, impegnata in numerosi progetti che coinvolgono la crescita e formazione dei giovani.

Il primo classificato al Premio Chopin riceverà anche un pianoforte a coda “B. Steiner” donato dalla EKO Music Group e dalla Fabbrini Pianoforti. Altri premi differenziati a seconda della categoria, oltre che alla possibilità di suonare in Italia ed all’estero per Festival e rassegne prestigiose, prevedono riconoscimenti come le medaglie donate ai primi tre classificati dalla Presidenza della Repubblica, del Senato e della Camera, somme di denaro offerte dagli sponsors (Poste Vita, Ambasciatore della Repubblica di Cina presso la Santa Sede, Rotary Club, Associazione Nazionale Partigiani Cristiani, Inner Wheel-Club Roma).

La manifestazione che fino ad oggi ha attirato oltre 3.500 pianisti da 5 continenti si avvale di una giuria internazionale, ogni anno diversa, che nel corso degli anni, dimostrando serietà e credibilità, ha accresciuto la reputazione ed il prestigio del concorso attirando partecipanti di alto livello artistico.

Il concorso fa parte,  dell’Alink Argerich Foundation, l’organizzazione mondiale che raccoglie e regola i 130 concorsi pianistici più importanti al mondo e del IFCS di Varsavia – << con grande orgoglio e soddisfazione posso affermare che la manifestazionione è diventata ormai un trampolino di lancio per molti dei ragazzi che vi hanno partecipato>> – commenta il M° Crudeli che ne cura da 26 anni la direzione artistica.

La serata finale verrà interamente ripresa da Radio Vaticana e TelePace che registreranno il concerto di chiusura con la partecipazione dell’orchestra sinfonica “Nova Amadeus” di S.Sovrani e diretta dal M°. Nicola H.Samale.

Si ringraziano inoltre per il contributo: Liliana Gallo Montarsòlo, Adolfo Tagliero e Liana Locatelli.

Per maggiori informazioni conttatare:

Segreteria organizzativa

Paolo Masotti – Via Pierfranco Bonetti 88/90 – 00128 Roma (Italy)

Tel.: 0039 06 5073889 / mail: info@chopinroma.it

Addetto Stampa

Maria Cristina Silvestri – cell. 3383609302 / mail: mcristina.silvestri2@gmail.com

 Website: www.chopinroma.it

FB www.facebook.com/chopinroma

YouTube: www.youtube.com/user/RomaPianoCompetition

0

È russo il vincitore del Premio Chopin al Concorso Internazionale Pianistico di Roma

Il Coro dell'Accademia Europea Sordi

Successo di Critica e di Pubblico all’Auditorium della Conciliazione di Roma per l’evento organizzato dall’Associazione Culturale “Fryderyk Chopin” e che ha incoronato Evgeny Starodubtsev come vincitore. Inevitabile ricordo a inizio serata delle vittime degli attentati di Parigi

Si e’ aperta con un minuto di silenzio in memoria delle vittime degli attentati di Parigi il Concerto dei vincitori del Concorso Pianistico Internazionale Roma, organizzato dall’Associazione Culturale “Fryderyk Chopin”, fondata dal Maestro Marcella Crudeli in partnership con la Fondazione Cuomo.

La manifestazione, nata con l’intento di promuovere i giovani talenti  ha incoronato come vincitore del Premio Chopin 2015, il Russo Evgeny Starodubtsev, classe 1982. Con  il punteggio di 97,6 su 100 il giovane pianista si e’ aggiudicato anche il Premio Speciale “Fondazione Cuomo” per il miglior pianista proveniente dall’Est Europeo.
Secondo classificato l’Italiano Danilo Mascetti, classe 1992. Il terzo premio e’ andato allo Svizzero Francois-Xavier Poizat, classe 1989.

L'Italiano Danilo Mascetti, secondo classificato al "Premio Chopin 2015"

L’Italiano Danilo Mascetti, secondo classificato al “Premio Chopin 2015”

Il pubblico all’Auditorium della Conciliazione di Roma, ha potuto godere delle performances degli vincitori, che si sono esibiti accompagnati dall’Orchestra Sinfonica “Nova Amadeus” di S. Sovrani, diretta dal Maestro Nicola H. Samale.
Sono poi saliti sul palco anche i vincitori delle altre quattro sezioni del Concorso: vincitrici della sezione Duo, quattro mani con un pianoforte, con il punteggio di 95,2 su cento , le sorelle russe Olga e Ksenia Kemova, nella sezione Duo, quattro mani con 2 pianoforti i coniugi Polacchi Aleksandra e Pawel Wakarecy con il punteggio di 97,2 su 100.

Olga e Ksenia Kemova, vincitrici della sezione Duo, quattro mani su pianoforte

Olga e Ksenia Kemova, vincitrici della sezione Duo, quattro mani su pianoforte


Vincitrici della sezione solisti, due ragazze: la Russa Alisa Stekolshchikova,  classe 1990, che si è distinta con un punteggio di 97,2 su 100, e la Cinese Chang Xing, classe 2002, che ha raggiunto il punteggio di 96,5 su 100.
Le esecuzioni dei giovani pianisti hanno entusiasmato la platea, che ha applaudito emozionata il coro dell’Accademia Europea dei Sordi che ha tradotto nella lingua dei segni l’Inno di Mameli, eseguito dall’orchestra diretta dal Maestro Samale.

Il Maestro Nicola H. Samale con il vincitore del concorso Evgeny Starodubtsev

Il Maestro Nicola H. Samale con il vincitore del concorso Evgeny Starodubtsev

La manifestazione, rassegna unica nel suo genere nella Capitale, e’ promossa e organizzata da 25 anni, dall’Associazione Culturale “Fryderyk Chopin”, fondata dal Maestro Marcella Crudeli in partnership con la Fondazione Cuomo, per promuovere i giovani talenti.

Xing Chang

Xing Chang, la giovane cinese è una delle due vincitrici della sezione solisti

Al termine della serata il Maestro Marcella Crudeli ha ricevuto la medaglia del Presidente della Repubblica ambito riconoscimento alla sua lunga e prestigiosa carriera.

SI RINGRAZIA PER IL MATERIALE E LA GALLERIA FOTOGRAFICA SABRINA PARISI

0

Un Italiano tra i finalisti del Premio Chopin di Roma

Finalisti Premio Chopin Roma

E’ entrato nella sua fase selettiva più delicata il Concorso Pianistico Internazionale «Roma» organizzato dall’Associazione Fryderyk Chopin fondata dal Maestro Marcella Crudeli  in patnership con la Fondazione Cuomo, per promuovere giovani talenti.

C’è anche un Italiano tra i 3  finalisti del Premio Chopin, la sezione più importante del Concorso, che ne conta cinque.

La giuria internazionale presieduta dal Maestro Vincenzo Balzani ha deciso di selezionare  l’Italiano Danilo Mascetti classe 1992, lo Svizzero Francois-Xavier Poizat  classe 1989 ed il Russo Evgeny Starodubtsev classe 1981. I tre giovani pianisti dovranno affrontare ora la prova più difficile del Concorso: le esecuzioni con orchestra.

 Il vincitore si esibirà, insieme ai vincitori delle altre sezioni, durante la cerimonia di premiazione che avverrà domani presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma.

La manifestazione nel corso dei 25 anni di attività ha tenuto a battesimo oltre 3.500 giovani pianisti, segnando per molti di loro l’inizio di una brillante carriera artistica.

Quest’anno la rassegna, unica nel suo genere nella Capitale ha visto il record delle iscrizioni: 171 giovani talenti da 33 Paesi dei cinque continenti.

0

Grande successo di pubblico per il XXV Concorso Pianistico Internazionale Roma

foto 2

Perseguono con grande successo di pubblico e di critica le eliminazioni del Concorso Pianistico Internazionale “Roma”.

Oggi la giuria internazionale presieduta da Vincenzo Balzani  dopo aver ascoltato le prove dei 45 candidati della seziona B del Concorso, che e’ strutturato in cinque sezioni,  ha decretato come vincitore la Russa Alisa Stekolshchikova,  classe 1990.
La vincitrice, che si è’ distinta con un punteggio di 97,2 su 100, ha eseguito un Movimento di una Sonata di Beethoven, e  Una notte sul Monte Calvo.
La giovane pianista si esibirà durante il concerto dei vincitori: la cerimonia di premiazione si svolgerà il 14 novembre presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma.

foto

Olga e Ksenia Kemova posano con la Maestra Crudeli

Duo, quattro mani con un pianoforte. Con il punteggio di 95,2 su cento si sono aggiudicate il primo premio la sorelle Olga e Ksenia Kemova. Le giovani Russe, classe 1988 e 1993, hanno eseguito un Movimento di una Sonata in do maggiore di Mozart e alcuni brani dai Sei Pezzi opera 11 di Rachmaninov. Si esibiranno durante il concerto dei vincitori il 14 novembre quando di si svolgerà la cerimonia di premiazione presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma.

La Maestra Marcella Crudeli con Alisa Stekolshchikova

La Maestra Marcella Crudeli con Alisa Stekolshchikova

Il concorso e’ promosso e organizzato dall’Associazione Culturale “Fryderyk Chopin” fondata da Marcella Crudeli, in partnership con la Fondazione Cuomo.

La manifestazione nel corso dei 25 anni di attività ha tenuto a battesimo oltre 3.500 giovani pianisti, segnando per molti di loro l’inizio di una brillante carriera artistica.

0

Il Concorso Pianistico internazionale Roma 2015 proclama il suo primo vincitore

foto

Al termine della prima giornata delle selezioni del Concorso Internazionale Pianistico “Roma”, c’è già il primo vincitore: è la giovane cinese Chang Xing.

La giuria internazionale presieduta da Vincenzo Balzani, in data 4 novembre 2015, dopo aver ascoltato le prove dei 19 candidati della sezione A del Concorso, strutturato in cinque sezioni,  ha decretato come vincitore la cinese  Chang Xing, classe 2002.
La vincitrice ha eseguito una Sonata di Domenico Scarlatti, due Studi  e una Ballata di Fryderyk Chopin.
La giovane pianista si esibirà nel concerto dei vincitori: la cerimonia di premiazione si svolgerà il 14 novembre presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma.

Il concorso e’ promosso e organizzato dall’Associazione Culturale “Fryderyk Chopin” fondata da Marcella Crudeli, in partnership con la Fondazione Cuomo.

La manifestazione nel corso dei 25 anni di attività ha tenuto a battesimo oltre 3.500 giovani pianisti, segnando per molti di loro l’inizio di una brillante carriera artistica.

0

Il Concorso Pianistico Internazionale Roma, compie venticinque anni

CA1_8128

Sono 171 i giovani talenti che quest’anno parteciperanno al Concorso Pianistisco Internazionale “Roma”, Patrocinato dalla Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco con l’adesione del Presidente della Repubblica con la sua medaglia di rappresentanza.

 Il 25ennale della manifestazione, rassegna unica nel suo genere nella Capitale, quest’anno vede il record di iscrizioni. Il Concorso  promosso dall’Associazione Culturale Fryderyk Chopin, fondata dal Maestro Marcella Crudeli, pianista, concertista di fama internazionale e tra i maggiori interpreti delle opere per pianoforte del compositore polacco.

 L’evento, in partnership con la Fondazione Cuomo, è affiliato all’Alink Argerich Foundation, organizzazione mondiale che raduna e regola i centotrenta concorsi pianistici più importanti al mondo.  Inoltre l’Associazione Chopin è entrata a far parte dell’ International Federation of Chopin Societies di Varsavia, rappresentando l’Italia.

 A partire dal 4 novembre, nella splendida cornice del Chiostro di S. Giovanni Battista de’ Genovesi, i 171 iscritti che provengono da 33 Paesi dei 5 Continenti, quest’anno anche dalla Siria, parteciperanno alle selezioni e alle eliminatorie sotto la guida attenta del Maestro Vincenzo Balzani, Presidente della giuria internazionale che ne  decreterà i vincitori.

DSC_5343

 La manifestazione che nel corso dei 25 anni di attività ha tenuto a battesimo circa 3500 giovani pianisti, segnando per molti di loro l’inizio di una brillante carriera artistica, è strutturata in cinque sezioni. Le prime quattro chiameranno ad esibirsi i giovani pianisti in una prova unica, scegliendo in una rosa di partiture di celebri artisti. La sezione A è riservata ai nati dal 1996, la B ai nati dal 1990.

La sezione duo, a quattro mani e due pianoforti sono dedicate ai nati dal 1981, ai quali verrà richiesto inoltre di eseguire un programma libero che dovrà includere un movimento di una sonata di W.A. Mozart.

 Il Premio Chopin  riservato ai soliti nati dal  1981 è articolato in tre prove, eliminatoria, semifinale e finale, tutte di elevato livello di difficoltà: sia da un punto di vista tecnico che di virtuosismo sonoro. A rendere ulteriormente complessa questa sezione è la presenza di una prova con orchestra che dovranno sostenere i finalisti.

  DSC_5339

Il concerto dei vincitori e la cerimonia di premiazione si svolgeranno il 14 novembre presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma, con la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica “Nova Amadeus” di S. Sovrani, diretta dal M° Nicola H. Samale. La serata verrà presentata da Sonia Sarno, giornalista del TG1, sotto l’attenta  regia curata da Laura Santerelli del TG1 Lis.

CA1_8246

I primi classificati si aggiudicheranno premi in denaro. Il vincitore del Premio Chopin riceverà inoltre un pianoforte  a coda  B. Steiner donatogli dalla Eko Group Music e la medaglia del Presidente della Repubblica. Al secondo ed al terzo classificato andranno rispettivamente le medaglie del Presidente del Senato e della Camera dei Deputati.

 Il Concorso è patrocinato da Istituzioni Pubbliche e Private tra le quali la Presidenza del Consiglio dei Ministri, i Ministeri degli Esteri  e per i Beni e Attività Culturali, il Consiglio Regionale del Lazio, la Presidenza della Giunta Regionale del Lazio, l’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale, il Gran Priorato di Roma dell’Ordine di Malta, la Radio Vaticana e l’Epta-Italy, l’European Piano Teachers Association, il Rotary Distretto 2080.

 Per la riuscita del Concorso un ringraziamento va alla Confraternita di San Giovanni Battista de’ Genovesi, luogo delle selezioni, all’Ambasciatore di Cina presso la Santa Sede e a Paolo Masotti, Segretario organizzativo del Concorso.

 Un ringraziamento agli sponsor: Poste Vita, Pianoforti Bechstein, Pianoforti B. Steiner, Eko Music Group, Ecotec Group, FIDAPA, Rotary Ovest, Istituto Incontri Mitteleuropei di Gorizia, Comunità Caritativa Lasalliana di S. Vincenzo de’ Paoli, Innerwheel International – Club Roma Romae.

 Si ringraziano inoltre: Paolo Spigarelli, Liana e Laura Locatelli, Liliana Gallo Montarsolo, Elena Trucchi Racchi, Adolfo Tagliero, Andrea Donzelli e Gianfranco Comito.

 La fornitura e l’assistenza  tecnica è fornita dalla Angelo Fabbrini Pianoforti.

Radio Vaticana e TelePace registreranno il concerto di chiusura del Concorso.

0

INTERVISTE/ RomaSuonaBene incontra Marcella Crudeli

Marcella Crudeli

Marcella Crudeli

Una vita per la musica, una vita con la musica, un incontro con la grande interprete di Chopin, una delle più celebri pianiste italiane al mondo.

di Daniele Crescenzi
Foto di Fabio Spagnoletto

Marcella Crudeli, fondatrice e direttore artistico dell’Associazione Culturale “Fryderyk Chopin” e del Concorso Pianistico Internazionale “Roma è uno degli esponenti di spicco del panorama musicale e concertistico italiano e tra i maggiori interpreti delle opere per pianoforte del compositore polacco. Medaglia d’oro e diploma di prima classe per i Benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte, cura personalmente l’organizzazione dell’attività dell’Associazione e del Concorso Pianistico da ben ventiquattro anni. Docente di prestigio, per anni insegnante di pianoforte al Conservatorio di Santa Cecilia, l’abbiamo incontrata all’Auditorium Conciliazione poco prima dell’inizio del Gran Galà di premiazione dei vincitori del prestigioso concorso da lei ideato nel 1989

Lei è una pianista di fama internazionale, ha praticamente suonato nei migliori teatri del mondo. Quando le è nata la passione per la musica?

Credo che sia stato quando avevo cinque anni e mezzo.”

Il pianoforte è stato il suo primo amore?

“Si, è stata una cosa istintiva. Io non appartengo ad una famiglia di musicisti. È nato questo grande amore da dentro, ed è un amore per tutta la vita. Bisogna avere un grande amore, un grande spirito di sacrificio ed una grande determinazione per arrivare laddove si vuole. Non basta solo suonar bene.”

La musica, più che ogni altro nasce quindi dal cuore?

Certamente, è da li che nasce. Da li nasce ogni cosa. E poi se non si finalizza quest’attività all’amore per gli altri, non riesce. Bisogna essere aperti, aperti al mondo, alle persone bisognose. L’amore per la musica è completo quando si unisce al volontariato, alle finalità benefiche e sociali.”

Chopin, parliamo di lui. Ha scelto di dedicare a lui il nome dell’Associazione che presiede. Perché Chopin?

“Perché Chopin l’ho sempre amato, ho studiato in Svizzera con Cortot, uno dei più grandi interpreti chopiniani al mondo…”

Questo incontro, questa esperienza sono stati determinanti nella scelta di intitolare a Chopin il concorso?

In realtà il concorso è dedicato alla città di Roma, in quanto prende proprio il nome di Concorso pianistico internazionale “Roma”. A Chopin è dedicata l’associazione. Nel concorso come vedrà non sono stati scelti solo brani di Chopin ma anche di Brahms, Mozart, Beethoven ed altri.”

Questo concorso nasce nel 1989 e subito dopo un anno, diventa internazionale. Lo ha ideato Lei, come e perché?

Pensai che era giusto che la città di Roma avesse un concorso pianistico di livello internazionale. Non si fa mai abbastanza cultura in una città come Roma, dare a Roma il nome di un concorso pianistico riconosciuto nel corso degli anni, come uno di quelli più importanti al Mondo, è doveroso per Roma. Mi dissero all’epoca che ero una folle, mi dissero che Roma non era pronta per una cosa di questo tipo, che era dispersiva e caotica. Ma io sono determinata. Ho sempre creduto in questo progetto, ed ora dopo ventiquattro anni vediamo che c’è stata grande partecipazione dei ragazzi da tutto il Mondo.

Marcella CrudeliPoi l’incontro con la Fondazione Cuomo. Come è capitato che la Fondazione entrasse in contatto con questa vostra realtà?

Siamo stati mossi dalle stesse finalità: aiutare ragazzi in difficoltà di vari paesi, che hanno voglia di fare musica. Vogliamo fare per i giovani. I giovani sono il nostro futuro, se nessuno si muove, non si arriva a niente”

La musica è tra l’altro da sempre vettore di solidarietà, progresso e diffusione del messaggio di Pace…

Le distanze si annientano con la Musica, le differenze spariscono. La musica unisce e fa crescere il Mondo.”

Ma la Fondazione Cuomo l’avete incontrata da subito o nel corso del tempo?

Nel corso del tempo: hanno preso conoscenza della nostra attività negli anni ed hanno deciso di unirsi a noi per questo sogno che è il Concorso Pianistico Internazionale di Roma.”

Lei poi per tanti anni ha diretto la cattedra di pianoforte di Santa Cecilia, ha insegnato e diretto al Conservatorio di Pescara. La Sua maggiore soddisfazione: cosa prova quando viene per esempio invitata a concerti di Suoi allievi, che magari dopo aver studiato con Lei, hanno avviato la loro carriera suonando in teatri e realizzando concerti di livello?

Io sono felice: significa che la vita continua. La via tracciata ha chi la segue. Si raccolgono i frutti dell’albero seminato. Le fatiche dell’insegnamento vengono appagate nell’ammirare un allievo che si siede e inzia a suonare e a suonare bene.”

Anche quest’anno in questo concorso, tanti giovani provenienti da tutto il mondo….

Si. Tanti giovani da Corea, Cina, Germania, Russia… Il vincitore Chen Guang, viene dalla Cina ed è giovanissimo ha solo venti anni.”

Hanno studiato nei conservatori italiani?

“Hanno studiato nei conservatori e nelle accademie dei loro paesi di origine. Poi molti di loro dopo essersi diplomati a pieni voti, sono giunti in Italia, ma anche in altri conservatori europei al fine di specializzarsi.”

Al concorso come giungono?

Questo concorso manda bandi in tutto il Mondo, è entrato a far parte dell’Alink – Angerich Foundation che riunisce i centrotrenta concorsi pianistici più importanti del Mondo. Molti giovani musicisti, ambiscono a partecipare al concorso.”

0

SPECIALI/ Viene dalla Cina il giovanissimo vincitore del XXIV Concorso pianistico internazionale “Roma”

Premiazione di Chen Guang, primo classificato al concorso

Premiazione di Chen Guang, primo classificato al concorso

Di Daniele Crescenzi
Foto di Fabio Spagnoletto

Si chiama Chen Guang ed è nato nel 1994. Lo scorso 21 ottobre ha compiuto venti anni, quattro giorni dopo era sul palco dell’Auditorium Conciliazione da trionfatore della XXIV edizione del Concorso pianistico internazionale “Roma”, uno dei più importanti al mondo per pianisti e quello sicuramente di livello maggiore in Italia. Chen è risultato il migliore tra i 143 partecipanti che sono venuti da ogni angolo del pianeta. Un talento di valore assoluto, in grado di unire abnegazione, determinazione ed umiltà. Quell’umiltà necessaria per accorgersi che un premio, quand’anche prestigiosissimo, non è un punto di arrivo, ma di partenza. Quell’umiltà che ti spinge a capire che non hai mai raggiunto la perfezione, hai ancora da imparare e puoi ancora migliorare. Chen queste capacità ce le ha tutte. Il ragazzo cinese, ha entusiasmato tutti, lasciando a bocca aperta letteralmente la direttrice artistica e ideatrice dell’evento, la celebre pianista Marcella Crudeli e la signora Maria Elena Cavallaro Cuomo, presidente della Cuomo Foundation, l’organizzazione umanitaria a carattere socio-assistenziale, presente in oltre quaranta paesi nel Mondo che da molto tempo è partnership del concorso internazionale.

Il giovane Chen in quanto vincitore assoluto si è aggiudicato la prestigiosa la Targa del Presidente della Repubblica (la Presidenza della Repubblica da tempo patrocina l’evento consegnando una targa di Rappresentanza) il premio consegnato dalla Fondazione Cuomo di euro 3.000,00 e quello offerto da “Poste Vita” di Poste Italiana, sponsor dell’evento del valore di 2.000,00 euro più vari alrtri premi (Premio “Fondazione Omero Ranelletti del Distretto 2080 Rotary International” di Euro 1.500,00 e un pianoforte a coda “B. Steiner” mod. B-SIG 61, donato al vincitore direttamente dalla Eko Music Group S.p.A.) Il talentuoso pianista avrà inoltre l’occasione di esibirsi in undici concerti sparsi per il territorio nazionale, organizzati da varie associazioni musicali come l’ Associazione “Amici della Musica-Terra di Lavoro” che lo ospiteranno al Teatro di Corte della Reggia di Caserta o l’associazione “Amici della Musica” di Chieti che si occuperanno del concerto in quel di Chieti  e poi ancora Mantova, Reggio Emilia, Roseto degli Abruzzi, Lamezia Terme, Roma(Accademia Romana delle Arti), Castelfidardo (orgaizzato dalla Eko e dal Comune di Castelfidardo) e Viterbo (organizzato dall’Università della Tuscia)

Belle e brave, Friederike e Karoline Stegmann  hanno vinto nella categoria Duo su due pianoforti

Belle e brave, Friederike e Karoline Stegmann hanno vinto nella categoria Duo su due pianoforti

Chen Guang ha dovuto superare le durissime prove del concorso, rigidissimo nel regolamento e la concorrenza di altri validissimi interpreti come l’ispano-israeliano Michael Davidov, di 28 anni che è giunto secondo aggiudicandosi la Medaglia del Presidente del Senato della Repubblica, il Premio “Fondazione Cuomo” di Euro 2.700,00, il Premio “Montarsòlo” di Euro 1.500,00, in memoria di Paolo e Ugo Montarsòlo ed il Premio “Locatelli” di Euro 800,00, in memoria del N.H. Prof. Enrico Locatelli.

Madrina di una serata fantastica, come lo è da ventiquattro anni a questa parte, Rosanna Vaudetti, volto storico della Rai che anche quest’anno ha preso parte come conduttrice della serata di gala all’Auditorium. Una serata che è stata ripresa dalle telecamere dell’emittente vaticana “Telepace” e mandata in onda dalla Radio Vaticana.

Tra i premiati, le vincitrici della sezione Duo Pianoforte (nati dal 1980) le russe Anastasiya Gorokhoteva e Ekaterina Muravyova e le due splendide gemelline tedesche Friederike e Karoline Stegmann che hanno vinto nella categoria Duo su due pianoforti per i nati dal 1980 in poi.

le vincitrici della sezione Duo Pianoforte le russe Anastasiya Gorokhoteva e Ekaterina Muravyova

Le vincitrici della sezione Duo Pianoforte le russe Anastasiya Gorokhoteva e Ekaterina Muravyova

Vincitore della della sezione solisti (nati dal 1995), il sudcoreano Uram Kim, mentre il russo Maxim Knasov ha invece dettato legge nella sezione solisti (nati dal 1989).

Per tutti loro una grande vetrina in ambito internazionale (erano presenti svariate rappresentanze diplomatiche da Cina, Germania, Slovenia, Corea del Sud, Israele, Spagna, Russia) e la notorietà che il concorso ha raggiunto negli ultimi anni ha permesso e permetterà a molti di loro di aprirsi un varco di rispetto nel mondo della musica concertistica e da camera. “Molti dei vincitori di questo concorso, stanno trionfando un po’ ovunque nei vari premi internazionali”- ha detto Marcella Crudeli, “questo qualcosa vorrà dire”, ha aggiunto.

Nel corso delle esibizioni, i vincitori che si sono esibiti, sono stati accompagnati in alcune esecuzioni dall’Orchestra Sinfonica “Nova Amadeus”, diretta dal Maestro Nicola H. Samale. Parter de roi tra gli ospiti presenti in sala, molti dei quali in rappresentanza delle istituzioni premianti, come l’on. Domenico Fisichella, Senatore della Repubblica, che ha consegnato la Medaglia del Presidente del Senato al secondo classificato, poi ovviamente la Signora Maria Elena Cavallaro Cuomo, presidente della Cuomo Foundation, Pier Giorgio Poddighe, PDG del Rotary International, Distretto 2080, Elena Racchi Trucchi, presidente dell’Associazione di Volontariato-Comunità Caritativa Lasalliana “S. Vincenzo de’ Paoli”, Luigi Daniele Presidente del Rotary Club Roma Nord, l’attore Lando Buzzanca e molti altri.

GALLERIA FOTOGRAFICA A CURA DI FABIO SPAGNOLETTO

0

SPECIALE/ Il 25 ottobre all’Auditorium Conciliazione la cerimonia di premiazione del Concorso Pianistico Internazionale Roma 2014

XXIV Concorso Pianistico Internazionale Roma 2014Si avvicina il 25 ottobre e quindi si avvicina uno degli appuntamenti musicali più prestigiosi dell’anno a Roma, la finalissima del “Concorso Pianistico Internazionale di Roma” ideato e condotto dall’ “Associazione Culturale Fryderyk Chopin” di Roma che dal 1996 si avvale dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica concesso dall’allora Capo dello Stato  Oscar Luigi Scalfaro, e  rinnovato ogni anno dai suoi successori.

L’attuale Presidente della Repubblica  Giorgio Napolitano ha deciso di concedere al vincitore del premio, divenuto  già dalla seconda edizione del 1990 di livello internazionale, una targa di bronzo personalizzata. Solo l’amore e la passione e la determinazione per la musica di Marcella Crudeli, pianista e concertista di fama internazionale, titolare per molto tempo della cattedra di pianoforte principale nel Conservatorio di Musica “S. Cecilia” di Roma e direttore, dal 1988 al 2004, del Conservatorio Statale “Luisa D’Annunzio” di Pescara,  ha potuto creare tutto questo: una donna determinata che ha voluto raggiungere un sogno, quello di realizzare questo premio a sostegno di migliaia di giovani che coltivano la sua stessa grande passione per la musica, ma  che in molti casi provengono anche da paesi  poveri, dove non è possibile per loro sperare di portare avanti un interesse del genere. Nel 1987 la Crudeli ha fondato e da allora ne ricopre il ruolo di direttore artistico l’Associazione Culturale “Fryderyk Chopin” e due anni dopo ideò il “Concorso Pianistico Internazionale Roma“.

Grazie al lavoro straordinario di Marcella Crudeli e di chi in questi anni l’ha sostenuta, per circa tremila giovani pianisti partecipanti, provenienti da settanta Paesi di cinque continenti, questo concorso ha rappresentato una grandissima opportunità di crescita. Anche quest’anno le fasi eliminatorie, le semifinali e le finali del concorso si sono tenute presso il Chiostro di S. Giovanni Battista de’ Genovesi nel cuore di Trastevere e quindi in quello di Roma.

Sono iniziate il 15 ottobre e termineranno il 25 con i concerti dei vincitori delle varie categorie che si terrà presso l’Auditorium Conciliazione in Via della Conciliazione 4 a Roma. L’evento sarà presentato da Rosanna Vaudetti, volto storico della televisione italiana e da sempre vicina all’Associazione e al concorso e verrà registrate e trasmessa dalle emittenti Radio Vaticana e Tele Pace. Saliranno sul palco solamente i migliori tra i 143 partecipanti al concorso di quest’anno. Verranno consegnati premi e riconoscimenti da parte delle maggiori istituzioni italiane ed internazionali che patrocinano il concorso: Presidenza della Repubblica, Presidenze di Camera e Senato, altre istituzioni dello Stato ed Enti locali (Regione Lazio, Comune di Roma Capitale, Consiglio Regionale del Lazio).

Il concorso è sotto l’egida della Commissione Italiana dell’Unesco ed è affiliata all’Alink Angerich Foundation, organizzazione mondiale indipendente fondata nel 1999 dal musicista olandese Gustav Alink e dalla celebre pianista argentina Martha Angerich che raduna e regola i centotrenta concorsi pianistici più importanti al Mondo, tra i quali anche il Concorso Pianistico Internazionale Roma. Va inoltre detto che il concorso vedrà anche quest’anno la partnership straordinaria della Fondazione Cuomo, da tempo socia onoraria dell’Associazione Culturale Fryderyk Chopin, istituzione benefica che da anni opera in paesi poveri del Terzo Mondo (Mali, Niger, Burkina Faso, India, Vietnam, Afghanistan, Haiti e Brasile) attivandosi in maniera specifica oltre che sull’assistenza sociale, sull’educazione e l’istruzione. Questa particolare attenzione verso l’istruzione, ha permesso a questa associazione di costruire in questi paesi scuole ed alloggi per studenti e di istituire borse di studio per gli studenti diplomati per ottenere un lavoro. Sostenendo il concorso pianistico la Fondazione Cuomo ha sostenuto anche gli studi e le attività artistiche di molti giovani di questi paesi che hanno così avuto modo di accedere al concorso. Appuntamento quindi per il galà di chiusura della XXIV edizione del Concorso Pianistico Internazionale Roma per la sera del 25 ottobre 2014 presso l’Auditorium Conciliazione di Roma.