Crea sito

ATTUALITA’ Archivio

1

Presentata alla Camera dei Deputati la nuova proposta di legge per la musica dal vivo

ARTISTI _DSC4151Lunedì 11 luglio, presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, si è tenuta la conferenza stampa di  presentazione della proposta di legge di “Delega al Governo per la disciplina delle attività musicali contemporanee popolari dal vivo”, tra i presenti Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica, Mario Limongelli, Presidente Produttori Musicali Indipendenti e Sergio Cerruti, Vicepresidente  dell’Associazioni Fonografici Italiani, ma anche Amedeo Minghi, Noemi, Massimo Di Cataldo e il cantante rap Shade.

Di Giampaolo Vasselli

“… PER BREVITA’ CHIAMATO ARTISTA…”

Prendiamo spunto dal titolo di un album del 2008 di Francesco De Gregori per parlare del disegno di Legge, presentato l’altro giorno in sala stampa della Camera dei Deputati , dall’Onorevole Roberto Rampi  membro della Commissione cultura della Camera sulla “Delega al Governo per la disciplina delle attività musicali contemporanee popolari dal vivo” (DDL n. 3842); una proposta che si pone di favorire l’adozione di una legge quadro che garantisca la musica popolare contemporanea e razionalizzi tutte le norme in materia di organizzazione e gestione dello spettacolo dal vivo, fornendo agli artisti, agli operatori e alle associazioni tutti gli strumenti normativi per generare maggiore creatività e ricchezza musicale: dal tax credit per gli investimenti, alla semplificazione dei processi amministrativi, ai finanziamenti agevolati per ammodernare le attrezzature, al riconoscimento della musica, senza distinzioni di sorta, quale leva culturale fondamentale per il Paese.

All’incontro erano presenti  alcuni artisti e quasi tutti gli esponenti del panorama musicale live e non della discografia Italiana. Gli artisti presenti erano a simbolo delle varie generazioni musicali, come ha avuto modo di dire anche l’On. Rampi nell’introduzione della conferenza : Amedeo Minghi (rappresentante anche il sindacato L’ASSOCIAZIONE”), Massimo Di Cataldo ( presente anche a nome dalla nuova  IMAIE ), Noemi ( artista e produttrice ) e due giovani realtà Shade (cantante Rap) e Joan Thiele (cantante).

TAVOLATA ESPERTI _DSC4120_1

Un testo, quello del  DDL n. 3842 che tutti i presenti hanno descritto come soddisfacente. Ovviamente il margine di lavoro e le discussioni per poter ulteriormente migliorare la proposta ci sono tutte. Il punto di forza di questo DDl sta nel riconoscimento ufficiale da parte delle istituzioni dell’importanza “culturale” della musica  e vi viene riconosciuto  “Il mondo lavorativo”, ovvero “il lavoro di artista”, quindi la sua valenza dal punto di vista economico,  e la valenza di tutto ciò che c’è dietro il mondo della musica e degli spettacoli dal vivo con il conseguente movimento di capitale sia umano che in denaro.

Massimo Di Cataldo ha insistito molto su questo punto, sul riconoscimento del musicista come un lavoratore, insieme a Noemi che ha più volte avuto modo di dichiarare la sua soddisfazione nell’essere stata coinvolta in questo procedimento legislativo: “Mi sento orgogliosa sia come artista e sia come cittadina italiana di prendere parte attivamente alle istituzioni, in un processo che porti a migliorare le condizioni di un settore“- ha dichiarato Noemi, rimarcando più volte l’importanza per i cittadini e soprattutto per i giovani, di essere attivi nei processi decisionali che possano comportare il miglioramento di tutto il Paese.

Amedeo Minghi e Noemi

Amedeo Minghi e Noemi

Di giovani  e di quanto questa nuova legge potrà aiutare gli artisti emergenti ha parlato anche Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica, che da vent’anni si batte per questa legge. Durante il suo intervento infatti ha dichiarato:”Ricordo innanzitutto come Francesco De Gregori sia stato il primo firmatario dell’appello. Sottolineo, inoltre, come nella programmazione radiofonica di oggi ci sia la mancanza di artisti giovani. Dobbiamo fare un grosso sforzo, perché ci sono tanti musicisti che possono portare avanti la tradizione della musica italiana”.

RESPONSABILE ASSOMUSICA (CITAZIONE)_DSC4117

Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica

Tra i punti fondamentali  del DDL illustrati in conferenza: il Fondo per lo sviluppo della musica contemporanea, un un Fondo presso il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, le cui risorse dovranno essere destinate alla promozione ed il sostegno di nuovi autori e artisti della musica popolare contemporanea dal vivo, la realizzazione, la ristrutturazione o l’ammodernamento tecnologico di strutture aventi caratteristiche tecniche atte a garantire la fruizione della musica contemporanea popolare dal vivo; il finanziamento di spettacoli di musica contemporanea popolare dal vivo e attività di internazionalizzazione di tali spettacoli, anche attraverso iniziative di coproduzione artistica, collaborazione e scambio, favorendo la mobilità e la circolazione delle opere.

Massimo Di Cataldo

Massimo Di Cataldo

In materia di agevolazione fiscale e di semplificazione, la proposta di legge prevede semplificazioni dell’iter procedurale e normativo sulla sicurezza degli spettacoli, la revisione della normativa fiscale relativa alla musica contemporanea popolare dal vivo, prevedendo in particolare, l’applicazione di un’unica aliquota dell’imposta sul valore aggiunto, finalizzata ad eliminare le disparità tributarie previste dalla normativa vigente, nonché lo sviluppo della produzione di spettacoli di musica contemporanea popolare dal vivo prevedendo un regime agevolato e, in particolare, la concessione di agevolazioni ai sensi dell’articolo 32 della legge 14 agosto 1967, n. 800 (legge sul “Nuovo ordinamento degli enti lirici e delle attività musicali”).

Nell’introduzione della Proposta di Legge, l’On.Rampi ha voluto sottolineare alcune cose importanti in merito alla situazione attuale della musica dal vivo in Italia:

Il 78,8 per cento degli italiani non ha assistito a un concerto nel corso dell’anno. Analizzando i dati nello specifico, tra quanti mostrano interesse per i concerti, il 35 per cento ha un’età compresa tra 19 e 40 anni; quasi l’80 per cento assiste al massimo tre volte all’anno ad un concerto; solo una piccola parte vi si reca sette volte o più; il 9,9 per cento assiste a concerti di musica classica e solo il 7,4 per cento ad altri tipi di concerto. Purtroppo l’Italia rimane il fanalino di coda tra i Paesi sviluppati nella fruizione della cultura intesa in senso ampio. Il Governo è già intervenuto in materia: con la legge di stabilità 2016 (legge n. 208 del 2015) si è deciso di provare a colmare questa lacuna con la cosiddetta card giovani (articolo 1, comma 979): un bonus di 500 euro per i giovani che compiono diciotto anni di età nel 2016 che potranno usarla per andare al cinema, concerti, mostre o musei ovvero per acquistare libri.”

La SIAE lo scorso mese di giugno, ha reso noti i dati relativi alla presenze ai concerti 2016 del primo trimestre dell’anno, che hanno fatto registrare presenze importantissime nelle arene e nei Palasport italiani, numeri trascinati soprattutto da tour di artisti quali Jovanotti, Capitani Coraggiosi(Morandi e Baglioni), Eros Ramazzotti e Il Volo.  Numeri che con l’estate crescono per via dei concerti dal vivo negli stadi, che già solo con i quattro live all’Olimpico di Vasco Rossi vantano un balzo vertiginoso in avanti. Ma non basta ancora, si deve fare molto per la musica dal vivo.

Robeto Rampelli, il deputato che ha proposto il Disegno di Legge, firmato da altri 16 parlamentari italiani

Robeto Rampi, il deputato che ha proposto il disegno di Legge, firmato da altri 16 parlamentari italiani

Una nota ufficiale della Camera dei Deputati spiega in merito a questa proposta di legge:

“La proposta, riconoscendo già gli sforzi importanti intrapresi dal Governo con la Card Giovani e gli investimenti in Cultura, si pone l’obiettivo di favorire l’adozione di una legge quadro che garantisca la musica popolare contemporanea e razionalizzi tutte le norme in materia di organizzazione e gestione dello spettacolo dal vivo. L’obiettivo che si prefigge è quello di dare agli artisti, agli operatori e alle associazioni tutti gli strumenti normativi per generare maggiore creatività e ricchezza musicale: dal tax credit per gli investimenti, alla semplificazione dei processi amministrativi, ai finanziamenti agevolati per ammodernare le attrezzature, al riconoscimento della musica, senza distinzioni di sorta, quale leva culturale fondamentale per il Paese.
L’iniziativa dei Deputati del PD mira a sostenere con norme chiare e definitive questo segmento dell’Industria Creativa Italiana, che rappresenta uno dei settori più attrattivi per le giovani generazioni e che costituisce una cinghia di trasmissione per altri comparti produttivi.
Il ddl è stato apprezzato da tutta la filiera: insieme all’On. Roberto Rampi, descriveranno le parti salienti del DDL e le proposte che ne potrebbero ulteriormente arricchire il contenuto Assomusica, la Federazione Industria Musicale Italiana, i Produttori Musicali Indipendenti, l’Associazione Fonografici Italiani, Audiocoop e ARCI.”

Mentre la SIAE ha fatto sapere, sempre tramite comunicato ufficiale a margine dell’incontro:

In merito alla presentazione avvenuta oggi presso la Sala stampa della Camera dei Deputati della proposta di legge di Delega al Governo per la disciplina delle attività musicali contemporanee dal vivo, SIAE ribadisce il proprio supporto all’iniziativa. Il disegno di legge a firma dell’Onorevole Rampi e di numerosi altri parlamentari costituisce infatti un segnale importante e consapevole di una sensibilità politica verso questa forma di attività culturale e di straordinario significato.
La proposta ha come obbiettivo l’adozione di una legge quadro che garantisca la musica popolare contemporanea e razionalizzi tutte le norme in materia di organizzazione e gestione dello spettacolo dal vivo: una grande occasione per dare a questo settore un’efficace regolamentazione.
SIAE è consapevole non solo del grande significato culturale dell’espressione musicale ma anche, nel momento in cui l’Europa sta avviando l’ampia regolazione del mercato unico digitale, del suo significato dal punto di vista economico e retributivo per gli autori, gli imprenditori e gli artisti che operano in questo particolare tipo di mercato che l’Europa, ormai, non può più ignorare. L’iniziativa rappresenta inoltre una forma concerta di sostegno alla nostra identità culturale, che va sostenuta e tutelata nel contesto sempre più globale e competitivo del mercato digitale dei contenuti, affinché il digitale sia una reale opportunità di crescita per i giovani autori ed artisti italiani.
Il riconoscimento del ruolo degli artisti emergenti, con la valorizzazione delle opere prime, seconde, e terze, la stabilizzazione del Tax credit, le importanti disposizioni che disciplinano la riserva di programmazione per le emittenti radiofoniche, il ruolo importante e decisivo delle realtà locali e territoriali, la destinazione di spazi significativi per la realizzazione di eventi musicali, sono infatti elementi di un piano organico per il quale SIAE formula il forte auspicio di una efficace realizzazione da parte del Governo, nel momento in cui affronterà l’attuazione di questa importante legge di delega”.

GALLERIA FOTOGRAFICA A CURA DI GIAMPAOLO VASSELLI

0

Campus Band 2016, il contest per i gruppi studenteschi vinto dai The Flyers

CapusBandLogo

Svelato il nome del gruppo vincitore della prima edizione del “CampusBand Musica&Matematica”, contest rivolto a tutti i gruppi musicali che si sono formati nelle scuole e nelle università italiane: la band THE FLYERS un trio formato da un quindicenne e due sedicenni!!!

Nonostante la pioggia, per quasi tutto il pomeriggio, ieri sera al ‪‎Castello Sforzesco di Milano è stato un grande spettacolo! Sono rimasti sotto gli ombrelli in tantissimi: fan, curiosi (e turisti) hanno assistito alla ‪finale con grande partecipazione e hanno applaudito all’esibizione delle 10 band finaliste e dei tre ospiti musicali Chiara Grispo, La Rua e Gemelli Diversi.

I “giovanissimi” ‪‎The FlyersMichele Macrì (16anni), ‪Salvatore Spadaro (15anni!!!) e ‪‎Michele Panetta (16), provenienti da Locri, in Calabria – si sono aggiudicati, così, un contratto con un’etichetta discografica per la pubblicazione del singolo contenente il brano inedito, con relativo video e la cover, oltre a due borse di studio, una al CET, scuola fondata da Mogol, e l’altra al CPM di Milano, scuola rappresentata da Franco Mussida.

Un’altra gran bella notizia è che la band milanese The Dreams Of Lady V. ha ottenuto il “Premio della Critica” fortemente voluto dalla commissione di esperti, composta da Mario Lavezzi e dal giornalista e critico del Corriere della Sera, Andrea Laffranchi, il direttore responsabile di Rockol, Franco Zanetti, il paroliere Cristiano Minellono,  il dj Angelo Baiguini e Claudio Ferrante, A&R manager, Roberto Rossi – Sony Music; Silvia Vedani – ViviMilano.

“Campusband Musica e Matematica” è un concorso sostenuto da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori; Comune di Milano; Rtl 102.5 e Corriere della Sera – ViviMilano. Il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), a riguardo, ha inviato una circolare a tutti gli Istituti e a tutte le Università italiane al fine di informare al meglio i propri studenti sul “Campus”.

La finale del contest si è svolto nell’ambito della rassegna “Estate Sforzesca”, voluta dal Comune di Milano.

0

Ian Anderson & Jethro Tull, ritorno in grande stile

Jethro Tull_quadrata_lr

Dopo il successo del tour invernale con il concerto-evento “The Rock Opera”, Ian Anderson, pioniere del rock progressive e leader indiscusso degli storici Jethro Tull,  torna in Italia con il suo intramontabile “The Best of Jethro Tull”, sulle note dei brani leggendari della band. Lo vedremo quest’estate calcare i palchi di prestigiose rassegne musicali, tra luglio e agosto, per 8 imperdibili concerti.

L’infaticabile  Ian Anderson riporterà i suoi musicisti di nuovo del nostro paese a partire dal 15 luglio, dove si esibirà ad Arco (Trento), per proseguire il 16 a Grado (Gorizia) nella suggestiva location della diga Nazario Sauro per il Festival “Ospiti d’Autore”, il 17 a Mantova nella storica Piazza Castello per “Mantova Arts Music”, il 18 a Bollate (Milano) nel lussureggiante parco di Villa Arconati per l’omonimo Festival, il 20 a Vinadio (Cuneo) nella splendida cornice del forte albertino per la rassegna “Occit’Amo”, il 21 a Treviso per “Suoni di Marca”; il 7 agosto sarà a Cortona (Arezzo) nella magnifica piazza medioevale Signorelli che ospita il Mix Festival, per concludere il lungo tour italiano il 9 agosto a Civitanova Marche (Macerata) all’Arena del Mare.

Una lunga estate di musica quindi per riascoltare dal flauto e dalle note di Ian Anderson e dei suoi musicisti il miglior repertorio dei Jethro Tull. L’uomo che ha reso popolare il flauto nel mondo e che conta all’attivo più di 65 milioni di dischi venduti e più di 3.000 concerti in 40 paesi, prosegue la sua lunga stagione creativa, continuando ad attrarre le platee di tutto il mondo, accompagnandole sui sentieri del suo lungo passato e del repertorio storico della band.

Sul palco Ian Anderson sarà affiancato dai musicisti che lo accompagnano da diverso tempo:  John O’Hara alle tastiere, David Goodier al basso, Florian Opahle alla chitarra,  Scott Hammond alla batteria.

Per gli appassionati del rock progressive un’imperdibile opportunità per ascoltare dal vivo brani leggendari come Aqualung, Thick as a Brick, Locomotive Breath: è davvero il ritorno della grande musica.

www.jethrotull.com / www.musicalbox2-0promotion.it / www.bpmconcerti.com

 The best of JETHRO TULL performed by IAN ANDERSON

15 luglio – Arco (Trento)

Climbing Stadium

Prevendite: Ticketone.it  – Geticket.it – Primiallaprima.it

16 luglio – Grado (Gorizia)

Diga Nazario Sauro ‘Ospiti D’autore’

Informazioni:  www.azalea.itwww.gradofestival.it

Prevendite:  Ticketone.it

17 luglio – Mantova

Piazza Castello ‘Mantova Arte & Musica’

Informazioni:  www.insideoutagency.it

Prevendite:  Ticketone.it – Geticket (Unicredit)

18 luglio – Bollate (Milano)

Villa Arconati  Festival di Villa Arconati

Informazioni:  www.ventidieci.it

Prevendite:  Ticketone.it

 20 luglio – Vinadio (Cuneo)

Forte di Vinadio ”Occit’amo”

Informazioni:  www.occitamofestival.it

Prevendite: Piemonteticket.it – Ticketone.it

21 luglio – Treviso

Suoni di Marca

7 agosto – Cortona (Arezzo)

Piazza Luca Signorelli  ‘Mix Festival’

Informazioni: www.mixfestival.it

Prevendite: Ticketing.terretrusche.com  – Cortonamixfestival.it/biglietteria

9 agosto – Civitanova Marche (Macerata)

Arena del Mare

Prevendite: Ticketone.it – Ciaotickets.com

Info tour italiano: tel. 0434.29001 www.bpmconcerti.cominfo@bpmconcerti.comwww.musicalbox2-0promotion.it

 

0

I Pooh riconosciuti ambasciatori della musica italiana nel Mondo

I Pooh nell'attuale formazione del cinquantenario, da sinistra: Riccardo Fogli, Red Canzian, Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Stefano D'Orazio

I Pooh nell’attuale formazione del cinquantenario, da sinistra: Riccardo Fogli, Red Canzian, Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Stefano D’Orazio

L’Associazione dei Produttori Musicali Indipendenti Italiani conferisce il Premio PMI 2016 all’Artista “Pooh” per “l’alto contributo alla valorizzazione della cultura musical italiana nel mondo”

Il premio PMI è stato ideato per celebrare ogni anno l’Artista italiano che più si è distinto nella diffusione della musica e della cultura italiana nel mondo.

Mario Limongelli, Presidente di PMI, ha sottolineato come “il premio al gruppo“I Pooh” rappresenta un segno della nostra ammirazione per la lunga  carriera e conferma la volontà della nostra Associazione di continuare a lavorare con coerenza per restituire al patrimonio della musica italiana i livelli di attenzione che merita in Italia e nel resto del mondo. “I Pooh” in questi cinquant’anni hanno ben rappresentato in Italia e all’estero la musica e la cultura italiana”.

Il premio, creato per l’occasione dall’Artista Claudio Nicoli, sarà consegnato il 10 Giugno 2016 durante la conferenza stampa allo Stadio di San Siro-Milano.

A PMI Aderiscono oltre 130 le imprese indipendenti italiane che producono musica tra le più rappresentative. PMI fa parte di “Confindustria Cultura Italia”, è firmataria dei CCNL e rappresenta la discografia indipendente italiana nel Board di IMPALA, Associazione Europea dei Produttori Indipendenti.

Albo Premio PMI

2006- Andrea Bocelli
2007- Ennio Morricone
2008- Riccardo Cocciante
2009- Dori Ghezzi-Fondazione Dé André
2010 – Paolo Conte;
2011- Adriano Celentano
2012- Giancarlo Bigazzi;
2013- Ludovico Einaudi
2014 – Renzo Arbore
2015- Il Volo
2016- POOH

0

Sayf1 e Think, strade di versi rap

image

Vengono da quella Terra di Mezzo in cui ogni sogno è possibile. Masticano sogni e tracciano strade di versi, con la testa ben sintonizzata sulla realtà metropolitana, gli occhi dentro la vita vera, l’orecchio alla musica del passato, quella dei maestri. Sono Sayf 1 e Think, due giovanissimi rapper romani, con un futuro ancora tutto da disegnare ma tante idee su come descriverlo, attraverso le rime.

Del resto, i linguaggi musicali cambiano, oggi la rabbia giovane delle nostre periferie, il codice della ribellione sono quelli del rap, dell’hip hop, del free style. Persino le ragazze li ascoltano, attratte forse dall’autenticità di un genere che, nato negli States tra la fine dei ’70 e l’inizio degli ’80, non conosce crisi, anzi.

In questa intervista, i due ragazzi raccontano la loro arte metropolitana, fortificati da un ottimo riscontro sul web, con un canale YouTube, quello di Sayf, che fa boom di visualizzazioni.